Il nostro viaggio è iniziato nel 2001, con un’attenta ricerca sulle storie d’amore, carcere e coltello, caratterizzate dalla vena sanguigna e romantica della città di Roma, ma anche richiamando alla memoria la testimonianza sulla musica laziale di Graziella Di Prospero, artista e ricercatrice per noi fondamentale, oltre che, ovviamente, i costanti riferimenti alla forza espressiva di Gabriella Ferri.

Poi l’esperienza della partecipazione alle feste della Lega di Cultura di Piadena ed alle iniziative dell’Istituto "Ernesto De Martino" a Sesto Fiorentino, ai concerti con i grandi esponenti dei "Dischi del Sole", fra cui Ivan Della Mea e Giovanna Marini, agli spettacoli che l’ensemble ha presentato a Milano, a Torino in Piazza Castello e al Teatro Carignano per conto del Comune di Torino e del Teatro Stabile, alla Notte Bianca a Roma, le presenze musicali in documentari e video,  l’organizzazione e realizzazione dell’evento a cadenza annuale "Un certo modo di essere Roma. Omaggio a Gabriella Ferri" realizzato ininterrottamente dal 2005 al 2011 e le partecipazioni a innumerevoli festival, spettacoli teatrali ed eventi musicali.

Nel 2004 il gruppo ha realizzato un CD dal titolo "Romana", per l’etichetta indipendente Godagoda Records.

Il 2012 vede l’uscita del CD "Mettece Sopra" per GoodFellas, e nello stesso anno alcuni brani del gruppo sono inseriti nella pubblicazione di un vinile dal titolo "Mamma Roma Addio" (Goodfellas), insieme ad altri brani di due band della scena folk-rock romana, Ardecore e Il Muro del Canto, nonché nella compilation on line di XL di Repubblica.

Tra il 2012 e il 2016 BandaJorona si è esibita in numerose rassegne e festival di musica, tra le quali "Roma Incontra il Mondo" a Villa Ada, il "Premio nazionale città di Loano per la musica tradizionale italiana", il "Festival delle culture indipendenti" al Parco del Torrione Prenestino a Roma; ha realizzato due video tratti dai brani ; è arrivata finalista alle selezioni del Premio Tenco; ha partecipato a varie trasmissioni radiofoniche, tra le quali "Il buongiorno di Twilight" di Rai Radio 2 e "Demo" di Rai Radio 1.

Le nostre esibizioni e le iniziative da noi progettate e curate sono strettamente connesse con la cultura di Roma e la ricerca sulle nuove commistioni culturali e la permanenza della tradizione, realizzando percorsi articolati con diversi linguaggi (arte grafica, poesia, letteratura, drammaturgia e naturalmente musica) in continua evoluzione. Nel 2016, assieme all’attore Tony Allotta, con la partecipazione di Isola Teatro e dell’associazione culturale Rapsodica partecipa al progetto su Pier Paolo Pasolini “Come cani senza padrone”, presentato al Teatro Biblioteca Quarticciolo, al CSOA Forte Prenestino e nella Centrale Montemartini, nell’ambito della rassegna Musei in Musica 2016.

Nel 2018 esce il terzo CD di BandaJorona, dal titolo “Io so’ me”, per l’etichetta Squilibri, il primo in cui si manifesta la vena autoriale di Bianca Giovannini e di Desirée Infascelli, autrici della maggior parte dei brani. L’evoluzione costante della ricerca sulle musiche e sui testi del gruppo si riscontra con evidenza in questo nuovo lavoro, in cui le storie della mala romana cedono definitivamente il passo alla descrizione della realtà multiculturale di cui si alimenta il nostro tessuto urbano, e in cui la musica di tradizione viene travasata in contesti sonori di più ampio spettro, non ultimo l’utilizzo dell’elettronica. Il CD, corredato da una superba veste editoriale e da un progetto fotografico di Arianna Bonelli, vede la partecipazione di numerosi ospiti tra cui Mario Castelnuovo e Daniele Sepe. Fondamentale per la realizzazione e per la promozione del disco l’apporto di SCUP – Sport e Cultura Popolare, coproduttore del progetto, e di Acrobax-Renoize, dove è stata svolta la maggior parte del lavoro di registrazione delle tracce: il legame con il territorio e la sua cultura ci portano naturalmente a collaborare con le realtà associative, di controcultura ed istituzionali presenti nella città, e non solo, così come il nostro repertorio viene portato nelle piazze e nelle strade, oltre che nei festival e nei teatri.